CONTACTS

Una grande passione per il calcio italiano

Articolo

Una grande passione per il calcio italiano

Quando la passione per il calcio arriva in Oriente Una grande passione degli italiani è sicuramente lo sport. Spesso il lunedì mattina quando gli italiani vanno in ufficio, parlano di vittorie e di sconfitte, di allenatori e di arbitri. Molti comprano il quotidiano del lunedì per leggere i numerosi articoli sul tennis, sulla pallacanestro, sull’automobilismo e sullo sci.

«Che bello farsi una bella nuotata dopo un giorno di faticoso lavoro», «Per me non c’è niente di più bello di una partita di calcetto con gli amici». Sentendo frasi di questo genere, possiamo pensare che molti italiani praticano sport, ma in realtà il più delle volte le uniche attività sportive sono andare allo stadio la domenica a vedere la partita e seguire lo sport in TV. In tutto il mondo è ormai risaputo che lo sport più seguito in Italia è il calcio, è c’è chi parla di una vera e propria storia d’amore tra il calcio e gli italiani. Questo sport ha, infatti, una lunga tradizione e una grande importanza nella cultura popolare del Belpaese e anche le canzoni, le trasmissioni televisive e le pubblicità ci ricordano quanto il calcio sia nel cuore degli italiani.

Non sono gli italiani, però, hanno questo forte interesse per il pallone perché questo sport è molto seguito in tutto il mondo e abbiamo scoperto che conta molti tifosi nel lontano Oriente. Quest’anno al Centro Studi Italiani abbiamo una studentessa molto particolare: si chiama Qian Ting – per noi è Simona – ha 24 anni ed è una tifosa sfegatata di calcio. È talmente grande la sua passione che è stata anche fotografata dal “Resto del Carlino” durante una partita di calcio a Urbania tra i tifosi. Simona e le sue amiche sono presenze fisse allo stadio durantino.

Noi l’abbiamo intervistata.


simona piccola

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ciao Simona, spiega la tua passione per il calcio.

Quando ero una bambina, guardavo spesso la partita di calcio nella caserma, dove mio padre lavorava.  Quando avevo 5 anni, mi ha regalato una palla da calcio e giocavo spesso con i con i miei amici e con i soldati.

Qual è la tua squadra del cuore? Perché?

La Juventus è la mia squadra del cuore. Ho sempre guardato le partite di calcio in TV e capivo molto di questo sport. Mi piace la tecnica di questa squadra. Per esempio, il numero 21 Dybala mi piace tantissimo, perché è un mago ad usare i  piedi e per me è molto emozionante e divertente. Mi piace anche il modo di pensare dei giocatori, soprattutto mi piace Pogba che balla e canta in campo. Anche il numero 9 Morata per me è molto divertente, ma quando gioca lui e i suoi compagni sono molto concentrati. E naturalmente sono molto belli. La Juve è davvero “la fidanzata d’Italia”.

 Calcio cinese o calcio italiano?

In verità non ho guardato spesso le partite del calcio cinese, ma ho guardato le partite di basket. Quando sono arrivata in Italia quello che mi ha impressionato di più è la passione per il calcio: si possono, per esempio, vedere spesso i bambini giocare a calcio con gli adulti e questo in Cina non è possibile, perché i bambini devono studiare e studiare a scuola e a casa e durante il fine settimana frequentano spesso i corsi di recupero o di approfondimento. In Italia il calcio è una cultura ed è parte della vita quotidiana.

Perché ti piacciano le partite di calcio della squadra di calcio di Urbania? Perché ti piace andare allo stadio?

Sono molto felice di imparare la lingua a Urbania. Un giorno, mentre passeggiavo con le mie amiche, ho sentito delle grida di persone che dicevano: “Urbania, Urbania, Urbania”. Così siamo andate allo stadio. Le persone di Urbania hanno una grande passione per il calcio e sono molto gentili con me, mi avvertono sempre quando c’è una partita e mi danno la lista dei giocatori ogni volta. Quando vado allo stadio, posso sentire la passione degli uomini e dei bambini per questo fantastico sport. Mi piace l’Italia, mi piace Urbania e vorrei conoscere di più la cultura.

simona calcio